Tappa di Mogliano: risultati e ranking

pubblicato in: Notizie, Risultati | 0

Sono disponibili i risultati della IV tappa giocata a Mogliano e Treviso. Oltre ai numeri delle singole partite, potete trovare la situazione attuale del punteggio ponderato.

Al giro di boa del Superchallenge la situazione è estremamente equilibrata. Il blocco di squadre venete che ha dominato la tappa di Mogliano e Treviso sta accumulando punti importanti in classifica. La rincorsa al round finale di Padova del 25 maggio continua a Colorno, dove il 15 arile 2018 si giocherà la quinta tappa.

Risultati Mogliano

Risultati Treviso

Ranking aggiornato dopo IV tappa

Punteggio Ponderato dopo IV tappa

Tappa di Roma: risultati e ranking

A Roma in occasione della terza tappa del Superchallenge U14, sono i ragazzi della Lazio Rugby e del Verona Rugby a conquistare il gradino più alto del podio dei tornei Baracchi/Medosi.

I giovani atleti della Lazio si aggiudicano il Memorial Ugo Baracchi valido come terza tappa dell’edizione 2017/18. Al termine di una finale appassionante ed equilibrata, i ragazzi della Lazio hanno avuto la meglio sui “cugini” della Capitolina per 19 a 15. Un remake della finale di Prato, a conferma che le due squadre romane sono in grado di esprimere un sano confronto, da cui entrambe escono rafforzate.

Sui campi del CUS Roma invece è il Veneto a trionfare, grazie ad una convincente prestazione del Verona Rugby che supera Experience L’Aquila per 57 a 5. Una finale inedita che colloca Verona fra le squadre emergenti e conferma Experience L’Aquila come una delle realtà più costanti del Superchallenge.

Ventiquattro squadre in rappresentanza di Abruzzo, Campania, Emilia Romagna, Lombardia, Lazio, Marche, Piemonte, Toscana; quarantotto gare, tre campi di gioco, due giorni di torneo e una grande partecipazione di pubblico.

Le parole del Presidente Mione:

“Voglio ringraziare in maniera particolare tutti i volontari e le volontarie che hanno permesso lo svolgimento senza ostacoli e tutte le famiglie che hanno ospitato atleti provenienti da altre città. Senza il loro contributo, efficace e garbato nello stesso tempo, la tappa non sarebbe riuscita così bene”

Un bilancio della tappa strutturata su due giorni?

“Come detto nei giorni precedenti, ciò che ci incuriosiva e ci metteva pressione era l’esperimento della tappa su 2 giorni. Un esperimento mai fatto nel Sc e comunque raro nel mondo del rugby giovanile. A consuntivo possiamo dire missione compiuta  e non solo… Tutto quello che pensavamo prima e che ci ha spinti a fare questa scelta si è puntualmente verificato. Livello tecnico costantemente alto, logistica agevolata e di conseguenza alto livello qualitativo sia della prestazione che del format e ricordo che l’innalzamento della qualità è il vero “gene” del SC. “aggiungo che l’auspicio è che la tappa 2.0 diventi lo standard del SC, una volta fatto questo penseremo ad ulteriori novità. Mi rendo conto che la tappa così sviluppata raddoppia qualche voce di costo per il club ospitante ma a quel punto dovremo essere bravi noi a mettere in campo la forza del format per sostenere i club”. 

Una finale del Memorial Baracchi a trazione romana. Lazio e Capitolina ti hanno impressionato?

“Per quanto riguarda la finale faccio i complimenti alla Lazio che non solo ha vinto ma che sta disputando una stagione sensazionale, onore alla capitolina che si è battuta fino alla fine.”

Per il riassunto dei risultati e il ranking aggiornato clicca qui:

 

 

 

 

 

Milan Challenge 2017: l’unione che fa la forza

pubblicato in: Notizie, Risultati | 0
Milano protagonista del rugby prejuniores, ha ospitato 24 squadre provenienti da tutta Italia per la seconda tappa del Torneo Superchallenge U14, l’unica manifestazione nazionale dedicata alla categoria. Prima classificata la Lazio, secondo posto per Mogliano e terzo per il Modena con il Petrarca appena fuori dal podio.
 Il Milan Superchallenge, così è stata battezzata la tappa, si è giocata per metà (le squadre con un ranking nazionale tra il 1mo e il 12mo) sui campi del As Rugby Milano, nella cornice dell’Idroscalo e dell’Amatori Union, nel recentemente ristrutturato campo Crespi a Lambrate e per metà (ospiti le squadre dal 13 al 24mo posto nella classifica nazionale) tra le acca del Parabiago Rugby.
Qui la competizione è stata vinta dai ragazzi del Franciacorta che scalano così in modo significativo la classifica in vista delle prossime tappe del circuito. Seconda classificata Rovato, seguita da Cus Milano e appena fuori dal podio Rugby Rho.
“Ci aspettavamo moltissimo da Milano, soprattutto dal punto di vista della grande risonanza che possiamo dare al circuito nonché dal punto di visto tecnico perché hanno partecipato moltissime squadre di qualità. Abbiamo visto come al solito grande agonismo e divertimento”  commenta il segretario generale del Superchallenge Under14, Francesco Pompili. E le promesse sono state mantenute. L’evento ha richiamato oltre 500 giocatori, 50 tecnici e altrettanti dirigenti accompagnatori, il pubblico delle grandi occasioni ha riempito le gradinate e affollato i centri sportivi e hanno garantito l’alto livello di gioco un gruppo di ben 16 arbitri federali.
“Il successo della manifestazione è figlio della collaborazione proattiva dei nostri tre club – commenta il consigliere di As Rugby Milano Gianluca Bitossi – che peraltro sono quelli che hanno fatto a Milano gli investimenti più rilevanti sulle infrastrutture negli ultimi tre anni, garantendo la possibilità di giocare su campi di qualità, con un’organizzazione logistica che ben si adatta al livello della competizione”.
“Il Superchallenge è ‘contaminazione’,  da Napoli a Torino, da Milano a Roma allenatori, arbitri e i genitori accompagnatori hanno potuto scambiarsi esperienze e considerazioni” ha sottolineato il consigliere FIR Onorio Rebecchini che, insieme all’altro consigliere federale, Stefano Baia Curioni ha premiato i vincitori e partecipato il giorno prima alla Cena dei Capitani che ha aperto l’evento.
 “I protagonisti siete voi – ha detto ai ragazzi e lanciato una sfida alle nuove generazioni del rugby ma soprattutto dell’Italia – da capitani, oggi dell’Under 14, vi renderete conto dell’importanza di essere leader dentro e fuori dal campo”.
1 2 3 4 5