Milan Challenge 2017: l’unione che fa la forza

Milan Challenge 2017: l’unione che fa la forza

pubblicato in: Notizie, Risultati | 0
Milano protagonista del rugby prejuniores, ha ospitato 24 squadre provenienti da tutta Italia per la seconda tappa del Torneo Superchallenge U14, l’unica manifestazione nazionale dedicata alla categoria. Prima classificata la Lazio, secondo posto per Mogliano e terzo per il Modena con il Petrarca appena fuori dal podio.
 Il Milan Superchallenge, così è stata battezzata la tappa, si è giocata per metà (le squadre con un ranking nazionale tra il 1mo e il 12mo) sui campi del As Rugby Milano, nella cornice dell’Idroscalo e dell’Amatori Union, nel recentemente ristrutturato campo Crespi a Lambrate e per metà (ospiti le squadre dal 13 al 24mo posto nella classifica nazionale) tra le acca del Parabiago Rugby.
Qui la competizione è stata vinta dai ragazzi del Franciacorta che scalano così in modo significativo la classifica in vista delle prossime tappe del circuito. Seconda classificata Rovato, seguita da Cus Milano e appena fuori dal podio Rugby Rho.
“Ci aspettavamo moltissimo da Milano, soprattutto dal punto di vista della grande risonanza che possiamo dare al circuito nonché dal punto di visto tecnico perché hanno partecipato moltissime squadre di qualità. Abbiamo visto come al solito grande agonismo e divertimento”  commenta il segretario generale del Superchallenge Under14, Francesco Pompili. E le promesse sono state mantenute. L’evento ha richiamato oltre 500 giocatori, 50 tecnici e altrettanti dirigenti accompagnatori, il pubblico delle grandi occasioni ha riempito le gradinate e affollato i centri sportivi e hanno garantito l’alto livello di gioco un gruppo di ben 16 arbitri federali.
“Il successo della manifestazione è figlio della collaborazione proattiva dei nostri tre club – commenta il consigliere di As Rugby Milano Gianluca Bitossi – che peraltro sono quelli che hanno fatto a Milano gli investimenti più rilevanti sulle infrastrutture negli ultimi tre anni, garantendo la possibilità di giocare su campi di qualità, con un’organizzazione logistica che ben si adatta al livello della competizione”.
“Il Superchallenge è ‘contaminazione’,  da Napoli a Torino, da Milano a Roma allenatori, arbitri e i genitori accompagnatori hanno potuto scambiarsi esperienze e considerazioni” ha sottolineato il consigliere FIR Onorio Rebecchini che, insieme all’altro consigliere federale, Stefano Baia Curioni ha premiato i vincitori e partecipato il giorno prima alla Cena dei Capitani che ha aperto l’evento.
 “I protagonisti siete voi – ha detto ai ragazzi e lanciato una sfida alle nuove generazioni del rugby ma soprattutto dell’Italia – da capitani, oggi dell’Under 14, vi renderete conto dell’importanza di essere leader dentro e fuori dal campo”.